Skip to content

La legge è uguale per tutti, sia per Guglielmo Mozzoni che per Giuliana D’Olcese. O NO?

4 luglio 2010

Può il FAI negare a Giuliana D’Olcese il “diritto di critica”?

Casualmente abbiamo trovato questo articolo del 25/02/2009 (tenete presente la data)
Criticò l’albergo di villa Ponti. Assolto l’architetto Mozzoni
Era stato querelato dalla camera di commercio per un articolo. Ma il giudice ha ritenuto che abbia solo esercitato il diritto di critica.
“… L’architetto aveva espresso la sua contrarietà, con un articolo sulla stampa locale, in cui aveva usato dei toni un po’ forti, parlando di SCEMPIO e rivolgendo accuse o critiche (a seconda di come la si veda) ai promotori dell’iniziativa. Le sue parole erano state ritenute offensive dai vertici di piazza Monte Grappa e al nobile era giunto un avviso di garanzia…”

Ma chi è Guglielmo Mozzoni? E cosa c’entra con Giuliana D’Olcese?
Di Pietro direbbe: c’azzecca. L’architetto Gugliemo Mozzoni é marito della sig.ra Giulia Maria Crespi, Presidente Onoraria del FAI, fondo ambiente italiano.

Orbene… in data 7 aprile 2010 proprio il FAI ha diffidato la sig.ra Giuliana D’Olcese per alcune affermazioni da Lei diffuse tramite il sito web www.villadeivescovi.net sul “fantasioso” restauro (più corretto sarebbe chiamarlo “rifacimento”, poiché il restauro è conservativo e generalmente non lascia troppo spazio all’immaginazione) della Villa dei Vescovi, a Luvigliano di Torreglia, che sostituirebbe l’antico brolo con un “parterre in trachite“, secondo un progetto di Domenico Luciani.

La diffida, (forse? per intimorire definitivamente la destinataria con una grande Law Firm), è stata inviata tramite la DLA Piper, uno tra i più grandi studi legali del mondo, che viene collocato, in base alla recente classifica Global Firms di American Lawyer, tra i primi 5 per fatturato (1,8 miliardi di Euro nel 2007, con un incremento del 18% rispetto all’anno precedente).

Figuriamoci! Il FAI fa le cose in grande: è ovvio che, per difendersi dalle “voci malevole nate da protagonismi personali (parole di Marco Magnifico) di una signora dalla massima credibilità e di specchiata onestà intellettuale, provata lungo il corso degli anni in cui ha fatto politica attiva, si debba scomodare un gigante come la dla piper , che cavolo! mica bastava un avvocaticchio di provincia!! così, magari pure per risparmiare il denaro dei donatori… noooooooooooooo.
Il FAI è il FAI e se una farfalla svolazza sul parterre, zac, un bel colpo di bazooka, magari caricato a salve, ma che (talvolta, non sempre però) t’impressiona col botto. (Capisciammé)

E difatti le voci non erano proprio voci, e  neanche tanto malevole…

Ma torniamo a noi, che ora ci chiediamo: se Mozzoni è stato assolto, perchemmai la D’Olcese viene diffidata per aver esercitato lo stesso sacrosanto “diritto di critica” – per giunta quasi con le stesse parole?
Si possono negare agli altri i diritti che reclamiamo per noi stessi?

Come può il FAI pensare che all’architetto Mozzoni sia consentito utilizzare dei toni un po’ forti, parlando di SCEMPIO e rivolgendo accuse o critiche, e alla sig.ra D’Olcese invece non sia concesso?
Chi autorizza il FAI a tentare di negare ad alcuni quei “lussi” che ad altri sono stati invece garantiti e sanciti anche dalla legge?

**********************

Alcuni dei beni del FAI restaurati dall’architetto Mozzoni

Teatrino Vettriano
http://teatri.agendaonline.it/toscana/teatrino_vedriano.htm

Villa Bozzolo
http://www3.varesenews.it/varese/articolo.php?id=6753

Villa Panza
http://www.icsa-giacomelli.it/panza.php

San Fruttuoso di Camogli
http://www.archeomedia.net/musei-archeologici/34067.html

Monastero di Torba
http://www.marketpress.info/archivio_notiziari

Villa del Balbianello
http://docs.google.com/viewer

Annunci
2 commenti leave one →
  1. Dino permalink
    5 luglio 2010 10:53

    Ma bene bene bene… quindi è così funziona? La mogliettina recupera i monumenti e il marito li sistema? Raccolgono soldi dalla gente che poi finiscono in parte nelle loro tasche?
    Una domanda, ma il signor crespi presta la sua opera di architetto gratuitamente per amore dell’arte o viene pagato?
    Certo se venisse pagato sarebbe una bella schifezza. Ma che cosa è il fai? Un ballo in famiglia?

  2. Livio permalink
    4 luglio 2010 22:52

    Mozzoni (e compagnia cantante) mi hanno disgustato già da tempo, quando vidi questa vignetta di cattivo gusto
    http://www.cittaideale.it/comunicato_n18.htm
    Purtroppo non basta essere nobili per avere stile… poveri noi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: